02 marzo 2007

il suicidio dei Ds

Tutto secondo copione. La fiducia è stata votata come avevamo previsto e come avevamo auspicato. Il Prodi 2, che in realtà è un Prodi 1 ma "più forte e coeso" (sic) è il peggior regalo che questa sinistra poteva fare al paese; ma, detto fra noi, il miglior regalo che poteva fare al centro-destra. E mentre si consumano scene di applausi preparati, sorrisi, strette di mano, pacche sulle spalle, sospiri di sollievo, facce da culo; mentre registriamo con soddisfazione che l’aspirina di Scalfaro ha fatto effetto, che Follini si sente per un giorno il card. Richelieu, che Russo Spena chiede la luna e non sa che fra un po' ce lo manderanno... sulla luna, ci godiamo il teatrino accompagnando una riflessione sui Ds e sulla loro incapacità di diventare soggetto determinante nello scenario politico italiano. Questo perché la crisi dell’esecutivo e la morte della “nuova primavera ulivista” non sono solo un incidente di percorso; non sono solo la fine di Romano Prodi e di un modo indecente di concepire la politica e gestire il potere in una democrazia moderna e complessa come la nostra; ma sono il frutto di un fallimento decennale di una sinistra che continua a dibattersi tra riformismo e massimalismo, tra la dimensione europea e occidentale e il qualunquismo pacifista.
A 13 anni dalla discesa in campo di Berlusconi e l'invenzione del centro-destra come soggetto politico innovativo, dall'altra parte, gli eredi del Pci, non hanno saputo costruire ancora le condizioni per esprimere una leadership autorevole, credibile e un progetto per il paese attuabile. Certo c'è l'Ulivo, l'Unione, magari ci sarà il Partito Democratico se De Benedetti non si stanca prima e Veltroni la smette di giocare con le figurine Panini, ma all'interno di tutti questi processi i DS stentano a dettare le regole e ad imporre le condizioni per far valere il peso della loro tradizione politica. Questi giorni di crisi continuano ad alimentare lo stato di confusione diessina. Nel crescendo di cazzate che Prodi continua a dire è chiaro che il suo governo è sempre più un ombra messa sullo sfondo di uno scenario in movimento; è ormai un capitolo archiviato nel conto alla rovescia della politica italiana che è ormai partito. Ora la scena si sposta altrove, nelle manovre in atto per ridisegnare spazi di azione di partiti grandi e piccoli, nei sogni ambiziosi dei piccoli leader, negli intrallazzi di una politica debole ed insicura. E in questo trambusto quello che emerge a sinistra (ancora più che a destra) è l’assoluta mancanza di un progetto politico per il paese e di una strategia a tappe per realizzarlo, all’infuori di un Partito Democratico che non sembra nato sotto i migliori auspici e che molti vorrebbero già morto.
Il problema è che non si può pensare di fare politica fondandola semplicemente sull’odio per l’avversario. La politica è qualcosa di leggermente più complesso di una turba psichica post ’89, di una nevrosi collettiva generazionale, della frustrazione da eterni sconfitti della storia. E questa “nuova primavera dell’Ulivo” rischia di creare ai DS più danni del crollo del muro di Berlino, della fine del comunismo e delle lacrime di Occhetto.
Dall’imbroglio delle primarie in poi la dirigenza Ds si è infilata da sola dentro una gabbia fatta di errori a ripetizione e rese continue verso i propri alleati. I Ds sono quelli che hanno investito di più in questo Governo raccogliendo di meno. Quando Prodi è stato costretto alle dimissioni in molti hanno perso l’occasione per una svolta importante. L’hanno persa a destra incaponendosi nella richiesta di impossibili elezioni anticipate; l’hanno persa a sinistra nel non capire che il prezzo che si sarebbe pagato liquidando Prodi (prezzo di una sconfitta evidente) sarebbe stato di gran lunga minore di quello che pagheranno ora continuando a tenerlo in piedi. Se i leader della sinistra avessero optato per una soluzione diversa (governo tecnico o istituzionale), se avessero avuto la capacità di leggere la politica fuori da schemi superati, se avessero con forza imposto una scelta diversa avrebbero visto aprirsi davanti a loro scenari, forse più complessi, non immediati ma più rosei a medio termine. Non solo, ma con una mossa a sorpresa avrebbero potuto scompaginare lo scenario, riacquistare potere di interdizione nella loro coalizione e mettere in grossa difficoltà il centro-destra in questo momento in grande fibrillazione tra la consapevolezza di non poter riproporre Berlusconi sic et simpliciter e la necessità di individuare un percorso unitario che ora non c’è. Invece hanno dato retta alla pancia e non alla testa. Hanno seguito l’istinto e non la ragione. Hanno regalato ai pigmei della loro coalizione i Giordano, i Diliberto, i Mastella, l’iniziativa e questo è il risultato che loro pagheranno per primi.
La genialità in politica è innanzitutto la capacità di spiazzare, di rendersi imprevedibili, di provocare accelerazioni incontrollate, di costringere gli altri a venirti dietro ad inseguirti sul terreno che tu decidi; ciò che spesso ha fatto Berlusconi in questi anni. Perché la politica è innanzitutto rapporti di forza all’interno di un dinamismo che va gestito e determinato. Al contrario, le mosse politiche della dirigenza Ds sono sempre più scontate, banali, prevedibili, balbettanti, impaurite.
Quando D’Alema, con i suoi scatti umorali che da sempre ne segnano il limite politico,
auspica un’alleanza con i nuovi democristiani, sancisce la fine della sinistra italiana. Non solo perché la riedizione di un compromesso storico con Fassino o Veltroni, Rutelli o Casini, al posto di Berlinguer e Moro, non è proprio la stessa cosa. Ma soprattutto perché sembra non vedere che i Ds non sono il Pci; non hanno più il 30%, non sono l’asse dell’equilibrio del sistema politico e subiscono a sinistra una concorrenza spietata che genera erosione di consensi e legittimità in settori sociali che da sempre sono stati il loro bacino di voto, senza aprirne altrove. Continuare a rincorrere pezzi del centro-destra dentro uno scenario in continuo movimento è un segno di miopia; oggi è Casini come ieri era la Lega “costola della sinistra”.
La leadership diessina dovrebbe avere il coraggio di prendere in mano la situazione e porsi al centro dei processi politici come non ha mai fatto in questi anni. Proporre un patto forte con Forza Italia e An per rinforzare il bipolarismo non per indebolirlo, riconoscere il fallimento dell'esperienza governativa e promuovere al più presto un governo tecnico che consenta loro di uscire dalla palude nella quale Prodi li ha invischiati. Altrimenti il rischio è divenire subalterni a un grande centro o rincorrere Bertinotti a sinistra; insomma fare la sinistra del grande centro o fare il centro della sinistra radicale, comunque non sembra un grande progetto.
Se il Pd dovesse fallire, l’intera classe politica diessina ne sarà travolta perché l’aggregazione di un polo riformista avverrà comunque ma al centro. A quel punto il destino dei Ds può finire in un paradosso: il tracollo di una classe dirigente che scioglie la complessa eredità di Berlinguer nell’unica e deprimente scelta possibile: tornare comunisti o morire democristiani. Niente male.
sullo stesso argomento: l'identità della sinistra (07-01-29), se il problema della sinistra è...la sinistra (07-01-17)

Etichette: ,

13 Comments:

Blogger gabbianourlante said...

mah sarebbe una bella prospettiva... ma purtroppo ci credo poco: se così fosse questa sinistra sarebbe crollata col muro, sarebbe crollata con lo sfascio della "gioiosa macchina da guerra".... e invece sono sempre li con la falce e martello nello stomaco che hanno cercato di cancellare con dei lifting e qualche tatuaggio alla moda. ma spero abbia ragione tu. un saluto

marzo 03, 2007  
Anonymous Ismael said...

La mia analisi sullo stesso argomento mostra discrete convergenze parallele con la tua, nel senso che parte da presupposti assai diversi ma trae conclusioni abbastanza simili. Se ti interessa...

marzo 03, 2007  
Anonymous VascoBlog said...

Caro Blogger,
non trovando una mail alla quale risponderti,
e volendo proporti un servizio che
probabilmente Ti interesserà,
Ti chiedo di contattarmi a info@vascoblog.com
Ciao

marzo 05, 2007  
Blogger ladyoscar said...

Caro Anarca, come sempre non posso che stimare le tue analisi lucidissime, prive di grinze.
E tuttavia, tuttavia...anche dall'altra "parte" vedo così tante macerie, trasformismi, opportunismi, anelli, anellini, anelloni. Eppure quantomeno le risse interne si consumano nei corridoi delle correnti, evitando la manifestazione in piazza di un governo contro sé stesso (insomma, devi leggere "Novella degli scacchi", sembra davvero...il governo Prodi).

p.s. Noto anche che quando il padrone di casa si assenta per un po' gli ospiti "si distraggono", mentre se posta quasi ogni giorno la tenuta rimane alta. Del resto, la "big conversation" della Rete funziona così...E svegliali, no?
Sii più assiduo, ne vale la pena, con i tuoi post

marzo 06, 2007  
Blogger ugofc81 said...

Caro Anarca, il mio invito è quello contrario a quello che ti rivolge ladyoscar. Scrivi quando vuoi e continua a non scrivere troppo spesso. (Cioè, scrivi quando vuoi e basta) Per quanto io visiti ogni giorno il tuo blog sperando di trovarvi un tuo nuovo "macigno" posato a schiacciare le ipocrisie e le piccolezze di questo mondo, mi rendo conto che se tu non mi facessi aspettare per giorni se non settimane i tuoi post me li godrei meno al momento della lettura.

marzo 07, 2007  
Anonymous Anonimo said...

Se Jünger sapesse di te vedrebbe come una delle sue figure più importanti viene terribilmente profanata...

marzo 12, 2007  
Blogger Martin Venator said...

ssstt... speriamo non se ne accorga il grande vecchio. Tu pero' anonimo non fare la spia.

marzo 15, 2007  
Anonymous Anonimo said...

Complimenti per il blogg
Visitate il blog di azione giovani compagnia del sud
http://compagniadelsud.leonardo.it

marzo 20, 2007  
Anonymous Anonimo said...

e se formassero un "nuovo"partito
della Ri(af)fondazione Comunista?

aprile 05, 2007  
Blogger ninest123 said...

ninest123 16.02
oakley sunglasses, polo ralph lauren outlet, prada handbags, oakley sunglasses, louboutin, michael kors outlet, tiffany jewelry, ray ban sunglasses, ugg boots, ugg boots, louis vuitton, ugg boots, ray ban sunglasses, louis vuitton outlet, louis vuitton, burberry outlet online, replica watches, replica watches, louis vuitton outlet, prada outlet, michael kors outlet, longchamp outlet, burberry, michael kors outlet, louboutin outlet, ray ban sunglasses, nike outlet, cheap oakley sunglasses, ugg boots, gucci outlet, tory burch outlet, chanel handbags, uggs on sale, polo ralph lauren outlet, michael kors outlet, nike air max, michael kors, nike air max, louboutin shoes, louis vuitton, christian louboutin outlet, oakley sunglasses, michael kors outlet, tiffany and co, nike free, jordan shoes, longchamp, longchamp outlet, oakley sunglasses

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

louboutin pas cher, converse pas cher, true religion jeans, nike free, longchamp, true religion outlet, coach purses, nike trainers, burberry, coach outlet, air max, new balance pas cher, replica handbags, true religion jeans, nike roshe run, nike roshe, north face, ralph lauren pas cher, sac guess, mulberry, true religion jeans, timberland, michael kors, tn pas cher, longchamp pas cher, ray ban pas cher, nike huarache, nike air max, north face, hermes, oakley pas cher, vans pas cher, hollister, ray ban uk, hollister pas cher, abercrombie and fitch, ralph lauren uk, nike blazer, michael kors, sac longchamp, nike free run uk, air force, lululemon, michael kors, air jordan pas cher, nike air max, lacoste pas cher, hogan, nike air max, michael kors, vanessa bruno

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

iphone cases, vans, insanity workout, herve leger, ghd, nike air max, iphone 6 cases, giuseppe zanotti, asics running shoes, gucci, bottega veneta, ipad cases, lululemon, s5 cases, oakley, ralph lauren, reebok shoes, iphone 5s cases, nike roshe, timberland boots, converse, north face outlet, p90x workout, jimmy choo shoes, mcm handbags, north face outlet, mac cosmetics, ferragamo shoes, soccer jerseys, valentino shoes, hollister, louboutin, iphone 6 plus cases, beats by dre, iphone 6s plus cases, chi flat iron, abercrombie and fitch, instyler, wedding dresses, celine handbags, mont blanc, iphone 6s cases, babyliss, baseball bats, nfl jerseys, new balance, hollister, vans shoes, ray ban, soccer shoes, birkin bag, nike air max

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

toms shoes, canada goose uk, sac louis vuitton pas cher, canada goose, hollister, barbour jackets, converse outlet, barbour, louis vuitton, bottes ugg, moncler, marc jacobs, louis vuitton, supra shoes, juicy couture outlet, moncler, moncler, montre pas cher, moncler, doke gabbana outlet, replica watches, ugg pas cher, louis vuitton, canada goose, karen millen, pandora jewelry, moncler, ugg,ugg australia,ugg italia, doudoune canada goose, coach outlet, pandora charms, swarovski crystal, links of london, pandora jewelry, canada goose, lancel, louis vuitton, wedding dresses, moncler, pandora charms, canada goose outlet, moncler, ugg boots uk, thomas sabo, canada goose outlet, juicy couture outlet, ugg,uggs,uggs canada, canada goose, swarovski, moncler outlet
ninest123 16.02

febbraio 22, 2016  

Posta un commento

<< Home