08 gennaio 2007

io tra Caino e Abele

Che nessuno tocchi Caino… ok, ok…. mi avete convinto! Nessuno si azzardi a toccarlo quello stronzo di Caino. E non perché sennò Pannella ricomincia con il solito sciopero della fame, della sete, del sonno, del respiro…no; ma perché chi tocca Caino diventa anche lui un Caino. Mi avete convinto e non voglio diventare come lui. Non ora almeno. Non in questo Occidente stanco e morente che vive nascosto nei suoi sensi di colpa perché è incapace di leggere la storia, il suo divenire e la tragicità che ci abita. E senza scomodare Cesare Beccaria, io lo so che la pena di morte “non è utile, né necessaria” ma è un arbitrio; e che sotto quella ghigliottina scintillante, seduta su una comoda sedia elettrica o davanti a un plotone d’esecuzione, l’umanità si arresta e il giudizio tra ciò che è bene e ciò che è male viene sospeso.
Io amo Dostoevskij e la sua capacità di andare a fondo come un sasso dentro la realtà; anche Dostoevskji fu condannato a morte e poi graziato davanti al plotone d’esecuzione. Il principe Myskin, il suo Idiota, racconta che l’orrore della pena capitale è nella certezza di non poter sfuggire a quel destino, la fine di ogni speranza. “Conducete un soldato davanti ad un cannone, collocatelo lì e tirategli addosso: continuerà a sperare; ma leggete a questo stesso soldato la sentenza che lo condanna con certezza, ed impazzirà o si metterà a piangere. Chi ha detto che la natura umana è in grado di sopportare questo senza impazzire? Perché un affronto simile, mostruoso, inutile, vano? Forse esiste un uomo al quale hanno letto la sentenza, hanno lasciato il tempo di torturarsi e poi hanno detto «va’, sei graziato». Ecco un uomo simile forse potrebbe raccontarlo”. Quest’uomo era lui.
Eppure c’è una parte peggiore di me che non mi lascia libero; la parte che non ne vuole sapere di entrare nel club degli uomini illuminati… dalla ragione e dal cuore. Quella parte peggiore di me che vuole rimanere al buio del suo vim-dicare e che delle luci accese al Colosseo se ne sbatte altamente. E’ il mio demone terribile che non pensa a Beccaria ma a Kant: “la pena di morte è un imperativo categorico”. Che pensa al macellaio di Erba e di fronte ad uno che sgozza un bimbo di due anni e massacra a coltellate mamma, nonna e vicina di casa non riesce proprio a cercare motivazioni sociologiche, non riesce ad arrestare il proprio disprezzo e il proprio odio perché se non c’è un limite all’orrore ci dev’essere un limite al perdono.
Può essere mai compresa, oltre la pietà, una condanna a morte? Provo a fermare le emozioni e a riguardare l’immagine di Saddam davanti al nodo scorsoio, sforzandomi di rileggere la storia. Provo a trovare un senso all’orrore dicendomi che quel Caino lì non era un povero nero del Tennessee processato da un giudice del Ku Klux Klan. No. Quel tizio è stato uno spietato aguzzino; uno che non ha esitato a gasare migliaia di donne e bambini, a ordinare massacri, torture, processi sommari; uno che ha messo in piedi una delle più terribili macchine repressive che questo scorcio di tempo abbia conosciuto. Poi, a riflettere bene ti accorgi che il vero scandalo dell’esecuzione di Saddam non sta nell’esecuzione in sé. Sta in quel film dell’orrore che ha sconvolto le nostre coscienze. Nell’antro del castello in cui era ambientato, in quegli orchi con i cappucci neri. Sta in quello sguardo perso nel vuoto… perché noi non siamo Hemingway
e a noi, gli occhi di un uomo che muore, fanno ancora terrore. O forse perché stiamo lontani dai luoghi dell’orrore, fuori contesto e davanti alla tv, seduti nel salotto di casa, quegli occhi sgranati sembrano figli di un terrore ancora più grande. Perché se Saddam l’avessero impiccato in silenzio, senza telecamere, senza dirette, senza Skynews24 che annunciava l'eurovisione come fosse la finale dei mondiali, senza telefonini, urla, e ce lo avessero fatto trovare bello e composto dentro un bel sudario… forse ben pochi, nel mondo libero dell’Occidente umanitario, si sarebbero scandalizzati.
Perché questo Occidente arcobaleno è, diciamocelo con franchezza, un po’ schizofrenico. Perché tutti i Caino sono uguali ma qualcuno è meno uguale degli altri. Perché se un legittimo tribunale manda a morte un feroce dittatore dopo un processo avvenuto sotto gli occhi di tutto il mondo, garantendo all’imputato un collegio di difesa internazionale e quelle garanzie che lui ha sempre negato agli altri, noi alziamo lo sdegno del nostro umanitarismo. Se invece Fidel fa fucilare due disperati che provano a scappare da Cuba i nostri intellettuali e i nostri politici più buoni fischiettano girandosi dall’altra parte e le fiaccolate sotto il Colosseo col cavolo che si fanno.
Io però lo so che Caino non si tocca. Non mi spiego bene il perché e le stronzate sociologiche non mi convincono; non m’interessa se anche Abele ha avuto le sue colpe con quell’aria da primo della classe. E magari anche Adamo ed Eva, se lo facevano stare di meno davanti alla tv, se lo coccolavano di più, se lo mandavano a scuola, forse Caino non sarebbe diventato Caino. E anche il Padreterno se invece di trovargli un lavoro da contadino lo faceva sindacalista al massimo avrebbe fatto uno sciopero contro Abele. Ma questa storia che se Caino è Caino la società ha le sue colpe non mi convince. Perché la responsabilità personale è la misura della libertà; ed è il libero arbitrio che fa di Caino un essere diverso dal mio cane che non potrebbe barattare il suo istinto con la mia libertà.
Eppure rimango convinto che Caino non si debba toccare... qualcosa me lo ordina da dentro... con tanti se e tanti ma.
Ma va bene. Che Caino non si tocchi! Illuminiamo a giorno il Colosseo ché il buon sindaco di Roma ha detto che : “da qualche anno questo è un posto simbolo di pace e riconciliazione”, dimenticando che da qualche secolo prima di lui, lì davanti al Colosseo i papi celebrano la via Crucis… e quel cammino di sofferenza fino al Golgota, sotto il peso della Croce è il simbolo da sempre dell’innocente assassinato, sacrificato al patibolo della storia, per redimere col suo sangue la follia del mondo. Perché è quella croce che oggi ci fa comprendere il senso dell’essere uomini; il senso umano non solo religioso. Quel patibolo con quell’uomo appeso ci regala il limite e la grandezza delle umane cose e di ogni singolo uomo fatto a immagine e somiglianza di Dio e per questo inviolabile.
E condivido quello che Veltroni dice: "la pena di morte: la più odiosa e inumana delle pratiche di Stato che stravolge il diritto e trasforma la giustizia in una inaccettabile quanto inutile vendetta”.
Ma la parte migliore di me, quella che si convince talmente che la vita è sacra, vorrebbe che queste belle parole venissero dedicate anche a quell’altra pena di morte; quella di cui nessuno parla. Quella per cui l’Occidente non chiederà mai moratorie. Quella che ogni anno produce oltre 50 milioni di esecuzioni. Quella pena di morte che si chiama “aborto”. E mi piacerebbe ritrovarmi un giorno sotto il Colosseo illuminato, con i politici buoni a dire anche questo: “l’aborto legalizzato: la più odiosa e inumana delle pratiche di Stato che stravolge il diritto e trasforma la libertà della donna in un inaccettabile quanto inutile arbitrio”.
La parte migliore di me che pensa che in fondo anche a Caino dev'essere data una possibilità, si domanda perché non debba essere data ad Abele. Perché se la pena di morte contro Caino ci fa orrore… la pena di morte contro Abele dovrebbe farcene di più.
Immagine: Hieronymus Bosch, Cristo che porta la Croce, 1490

Etichette:

19 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Caro Anarca, tutto vero, ma su una cosa non sono assolutamente d'accordo:che si sia trattato di un processo giusto.testimoni incappucciati, giudici sosttituiti in corso d'opera, test forse credibili come Tarek Aziz ridotti al silenzio più assoluto, tribunale composto da curdi e sciiti....ma non è giustizia!era molto più onorevole, per iraqeni e americani, giustiziarlo appena preso come hanno fatto con i suoi due figli.

gennaio 09, 2007  
Anonymous Anonimo said...

Bentornato Anarca; si sentiva la tua mancanza.
Carlitos

gennaio 09, 2007  
Anonymous Anonimo said...

clap,clap,clap.
Remo

gennaio 10, 2007  
Blogger Corto Maltese said...

E se fosse tutto più facile Martin? Se la Statua cade, la sua figura deve restare salva? Se una madre decide di spezzare il cordone(in re sua sua sua sua sua!)che deve fare lo Stato? Il tuo dilemma etico è il dilemma etico del tuo Stato...perchè in fondo, per quanto Anarca tu possa essere, di questo mostro orripilante che tutto vede e decide, non puoi fare a meno. Persino nella certezza di conoscere quella parte che ti dice cuique suum, arretri, la mascheri con kant, la giudichi nebulosa, oscura...eppur l'illuminato razionale non ti piace..perchè sei uomo di razza e in fondo, in fondo, anche se non lo ammetterai mai, se, come a tutti noi, ti converrà restare nel limbo, al confine tra bosco e leviatano...in fondo, sai bene cosa è giusto.
D'altro canto sei nato in una sala cartografica, tuo padre ti voleva morto, ma tua madre, in re sua, per sua scelta, ti ha dato la vita. Niente più etica...solo persone.

gennaio 10, 2007  
Blogger Martin Venator said...

Ciao Corto, bentrovato fratello mio... questo benedetto bosco lo scoveremo mai io e te? Ti tranquillizzo... l'Anarca e' una tensione non uno stato dell'essere ed e' questo che ci fa stare in bilico sempre tra bosco e leviatano.
Si, ci conviene restare nel limbo perche' se la vendetta fosse un duello ordalico il "cuique suum" avrebbe un valore sacro... ma lo Stato non accetta la vendetta... pretende giustizia e la giustizia mi spaventa piu' della vendetta.
Quando l'amico di Zarathustra urlava che lo Stato era "il piu' gelido di tutti i mostri"... il mostro non aveva ancora prodotto Auschwitz... ne' aveva trasformato l'aborto in un "diritto" o peggio in un "obbligo" (come avviene per legge in Cina o per condizionamento morale in Occidente); perche' il problema non e' se "una madre decide" ma se la decisione di una madre, dolorosa e tragica, viene mascherata da diritto inviolabile e lo Stato trasforma un dolore in un'ideologia.
"Mille miliardi di idee non valgono una sola persona" faceva dire al suo Socrate, Jean Guitton.
Hai ragione tu: "niente piu' etica"... ma un po' di ethos si, perche' vorrei continuare a lottare per un "posto da vivere"...

gennaio 10, 2007  
Anonymous GM said...

Siamo partiti con http://www.latestata.net/
Ti aspettiamo: sei di casa. Anzi è casa tua! ;)

gennaio 10, 2007  
Blogger Martin Venator said...

salute a te giemme... grazie. E' sempre bello essere accolti e ogni invito e' un onore...

gennaio 10, 2007  
Anonymous Ale said...

Faccio mie le tue parole Anarca... da anni sostengo i concetti che tu hai egregiamente esposto in questo scritto... tutti a difendere il pentimento e la compassione per Caino, ma nessuno guarda ad Abele...
mi auguro che le tue righe possano contribuire a risvegliare le coscenze...
Saluti

luglio 14, 2007  
Blogger David TTT said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

novembre 17, 2009  
Blogger nicol said...

bartorero

consumibles informatica

Directorio de Blogs

posicionamiento web

juegos gratis wii

Portal Mascotas

accesorios movil

tienda informatica

intercambio de enlaces

unetcom-kids

empresa informatica

fotos de coches

naves industriales china

novembre 30, 2009  
Blogger nicol said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

dicembre 15, 2009  
Blogger nicol said...

automoviles de ocasion

Despedidas de Soltero en Madrid

turismo rural

coches de segunda mano

desguaces

posavasos personalizados

Bulbos Lamparas

comiat soltera barcelona

balon intragastrico

APARATOS CONTROL VALENCIA

sillas hosteleria

GUARNICIONERIA

Servicios contra incendios

Alquiler casas castelldefels

Reparacion proyectores

dicembre 18, 2009  
Blogger nicol said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

gennaio 14, 2010  
Blogger nicol said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

ottobre 01, 2010  
Anonymous Anonimo said...

interezanti

dicembre 10, 2010  
Anonymous Anonimo said...

piero sechi vera gonzales

dicembre 10, 2010  
Blogger Taibai Li said...

huangqihang0518burberry handbags
oakley sunglass
cheap oakleys
gucci outlet online
michael kors outlet
ralph lauren
true religion sale
burberry sale
tory burch outlet
toms outlet
true religion
fitflops outlet
nike air max
true religion outlet
pandora outlet
kate spade bags
true religion outlet
hollister clothing
coach outlet
polo ralph lauren
oakley sunglasses
rolex watches
kate spade outlet online
michael kors
ray ban sunglasses
ray ban sunglasses
michael kors
tory burch shoes
air max 90
michael kors outlet online
kate spade uk
ray ban glasses
abercrombie outlet
prada outlet
kate spade handbags
hollister clothing store
q

maggio 18, 2015  
Blogger Zheng junxai5 said...

zhengjx20160603
coach outlet
oakley sunglasses
timberland outlet
michael kors handbags
nike store
michael kors outlet
true religion outlet store
louis vuitton purses
michael kors outlet
jordan 3 powder blue
michael kors outlet
lebron james shoes 13
longchamp outlet
rolex watches
christian louboutin sale
abercrombie outlet
michael kors outlet clearance
ladies cartier watches
coach outlet store online clearances
rolex watches
cheap air jordans
adidas wings
rolex watches
marc jacobs outlet
coach outlet online
adidas stan smith
louis vuitton handbags
oakley sunglasses
michael kors outlet
burberry outlet
replica watches
louis vuitton handbags
ray ban outlet
adidas factory outlet
coach outlet online
michael kors handbags
louis vuitton purses
ray bans

giugno 03, 2016  
Blogger Xiaozhengm 520 said...

nike factory outlet
louis vuitton outlet
michael kors outlet
true religion
louis vuitton outlet
louis vuitton
polo ralph lauren
cheap jordan shoes
christian louboutin outlet
louis vuitton bags
jordan retro
toms shoes
michael kors
ray ban sunglasses
hollister clothing store
jordan 8s
louis vuitton outlet
pandora jewelry
beats headphones
replica watches for sale
nike free run 2
burberry outlet online
coach outlet store online clearances
air jordan 13
jordan 3 infrared
louis vuitton bags
air max 90
michael kors handbags
jordan 6
ghd hair straighteners
christian louboutin outlet
designer handbags
michael kors outlet online
kate spade
michael kors outlet online
kobe 9
fitflop sandals
louis vuitton outlet
2016.6.21haungqin

giugno 21, 2016  

Posta un commento

<< Home