01 novembre 2005

iraq, capriole e fattore K

Si può sopportare di tutto, o quasi; si può sopportare che Giovanni Sartori ci parli di ogm, che Celentano balli con Benigni, che Santoro rivoglia il suo microfono, che Enzo Biagi continui a scrivere scemenze…ma che adesso, quel nobile giornale che è l’Unità, accusi il mio Presidente del Consiglio di fare le capriole… questo no, non lo posso proprio sopportare.
Nel marzo del 2003, Paolo Mieli, che ancora non era tornato a dirigere il Corrierone ma si limitava a smistarne la posta, rispondeva ad un lettore che evidenziava la contraddizione di una sinistra che quando sta al governo fa le guerre umanitarie senza l’Onu e quando sta all’opposizione si scopre pacifista, con queste parole: “Attenzione dunque agli argomenti che si usano per muovere obiezione alla guerra in Iraq. E attenzione soprattutto alle capriole. O quantomeno all’eccesso di capriole” . Tana per i caprioloni! La bacchettata a D’Alema e compagni e alla loro ipocrisia era data.
Ora, dopo che Fausto Carioti con la sua solita puntualità svizzera, ha ampiamente sputtanato i grilli parlanti del giornalismo nostrano, a noi non resta che aggiungere alcune semplici considerazioni: Berlusconi ed il governo italiano sono sempre stati contrari alla guerra in Iraq, tant’è che (particolare di non poco conto) noi la guerra non l’abbiamo fatta. Non è un mistero che la diplomazia italiana abbia tentato fino all’ultimo lo spiraglio della risoluzione Onu per legittimare l’intervento appoggiando gli sforzi britannici in tal senso; e che nei mesi precedenti allo scoppio delle ostilità si sia impegnata in un ruolo di mediazione all’interno dell’Unione Europea per cercare di riportare il conflitto perlomeno all'interno di un'operazione Nato. Ma fin dal novembre 2002, Berlusconi dichiarò la propria contrarietà all’invio dei soldati italiani in Iraq e nei giorni convulsi precedenti alla scadenza dell'ultimatum, i giornali italiani erano pieni di titoli sul rifiuto italiano di mandare truppe in Iraq.
Tant'è che il 19 marzo del 2003 il Parlamento italiano votò, NON per la partecipazione o meno dell’Italia alla guerra in Iraq (questione che non era mai stata presa in considerazione dal governo), ma per la concessione all’uso della basi americane in Italia e per il diritto di sorvolo degli aerei della coalizione. Autorizzazione del resto già concessa in Europa anche da quei paesi come Francia, Belgio e Germania che si erano opposti con più veemenza alle scelte dell'amministrazione Bush.

Ora va ricordato che in quella seduta il centorsinistra italiano votò compatto contro. In altre parole, non solo la componente paleocomunista, ma anche la parte riformista e moderata della sinistra, accettò di confondere la legittima opposizione politica alla guerra con una posizione assolutamente antioccidentale in termini strategici che rimetteva in discussione la stessa collocazione atlantica dell'Italia. Furono non pochi gli osservatori che intravidero in questa operazione un pericoloso ritorno di quel fattore K che per decenni aveva condizionato la vita politica italiana, quando le posizioni antioccidentali del PCI impedivano di fatto un'alternanza democratica nel nostro paese. In fondo quest'ambiguità oggi continua: parlare come al Zarqawi e definire i nostri soldati "truppe di occupazione" (dimenticando che sono lì su mandato Onu e su esplicita richiesta di un governo democratico riconosciuto dalla comunità internazionale), chiamare resistenti quelli che mettono bombe nei mercati di Baghdad, decidere di non sfilare per affermare il diritto di Israele ad esistere, sembrano tutti elementi che fanno riflettere sulla possibilità che questo fattore K sia tornato davvero nella sinistra italiana.
Giusto per la cronaca, per i corti di memoria e per i caprioloni estremi e moderati, vale la pena ricordare che dal 1945 ad oggi il nostro Paese ha partecipato attivamente ad un solo conflitto militare… quello contro la Serbia, condotto al di fuori dell’egida Onu. La guerra in Kosovo si realizzò sotto il governo D’Alema ma fu progettata durante il governo Prodi che firmò l'Act Order di impegno iscrivendo il nostro paese tra quelli belligeranti.
Per usare una terminologia cara ai pacifisti come Prodi e D’Alema (quelli del "no alla guerra senza se e senza ma"), potremmo dire che solo una volta l’articolo 11 della Costituzione è stato violato: quando al governo c’erano proprio Prodi e D’Alema…. e questo a proposito di capriole…

Etichette: ,

11 Comments:

Blogger Otimaster said...

Avrai letto che non la vedo proprio così, penso che la percezione delle cose da parte dell'elettorato sia differente da quanto effettivamente lui abbia più volte detto in varie sedi, per questo ho trovato fuori luogo la sua dichiarazione, ha generato confusione nella testa della gente e in questo momento è necessario che abbiano ben chiaro in mente per chi devono votare.
Ciao.

novembre 02, 2005  
Blogger Martin Venator said...

Ciao Otimiaster...si ho letto il tuo post. Ma ci sono due livelli: uno comunicativo, uno di analisi politica. Sul primo hai probabilmente ragione tu, ma non ci scommetterei piu' di tanto... Sul secondo c'e' francamente ben poco da dire. Per quanto sforzo autodistruttivo faccia ritengo la politica estera di questo governo una delle piu' lineari ed efficaci che l'Italia abbia mai avuto. M'interessava sottolinearlo rispetto all'indecenza della politica estera precedente. Tutto qui. Un caro saluto e a presto.

novembre 02, 2005  
Anonymous zanzara said...

Berlusconi ha sbagliato i tempi e il luogo però mi pare abbia detto cose sacrosante.

Sulla coerenza di Prodi & C ho fatto il post di oggi.
Un uomo che straparla sapendo di mentire.
Vieni a deporre il tuo autorevole commento.

novembre 02, 2005  
Anonymous drdan said...

D'altra parte cosa ci si può aspettare da certa gente sinistrata? La strumentalizzazione di tutto....

novembre 03, 2005  
Anonymous drdan said...

A proposito, spero non ti dispiaccia se inserisco questo post nel mio blog....
drdan

novembre 03, 2005  
Blogger Carlos Escamilla said...

reformas
masajes

febbraio 07, 2013  
Blogger cai huanglin said...

caihuanglin20150402
new jordans
red christian louboutin
chanel handbags
coach outlet store online
timberland boots
ralph lauren outlet
coach outlet store online
michael kors
coach factory outlet
abercrombie and fitch
cheap jerseys
coach factory
michael kors outlet
ray ban sunglasses outlet
discount oakley sunglasses
celine
jordan 3s
louis vuitton handbags
chanel outlet online
louis vuitton outlet stors
true religion
fake oakleys
coach outlet store online
gucci uk
michael kors canada
abercrombie kids
michael kors outlet
michael kors outlet
air jordans
ray ban sunglasses
gucci outlet online
ray ban glasses
michael kors canada
oakley eyeglasses
adidas wings
retro jordans
ralph lauren
michael kors
gucci outlet
hogan outlet

aprile 02, 2015  
Blogger Taibai Li said...

huangqihang0518burberry handbags
oakley sunglass
cheap oakleys
gucci outlet online
michael kors outlet
ralph lauren
true religion sale
burberry sale
tory burch outlet
toms outlet
true religion
fitflops outlet
nike air max
true religion outlet
pandora outlet
kate spade bags
true religion outlet
hollister clothing
coach outlet
polo ralph lauren
oakley sunglasses
rolex watches
kate spade outlet online
michael kors
ray ban sunglasses
ray ban sunglasses
michael kors
tory burch shoes
air max 90
michael kors outlet online
kate spade uk
ray ban glasses
abercrombie outlet
prada outlet
kate spade handbags
hollister clothing store
q

maggio 18, 2015  
Blogger chenlina said...

chenlina20160430
coach factory outlet
toms shoes
coach outlet store online
michael kors outlet
true religion outlet
louis vuitton outlet
ray bans
louis vuitton outlet
louis vuitton handbags
timberland outlet
michael kors handbags
celine handbags
louis vuitton purses
air jordans
air jordan 13
ralph lauren outlet
adidas shoes
replica watches
coach outlet store online
louis vuitton outlet
gucci handbags
jordan retro
michael kors uk
adidas shoes
cheap oakley sunglasses
ray ban sunglasses
caoch outlet
tory burch outlet
air jordan pas cher
tiffany jewelry
coach outlet
air max 90
running shoes
kobe bryant shoes
michael kors outlet online
oakley vault
ugg boots
polo ralph lauren
michael kors outlet
supra sneakers
as

aprile 29, 2016  
Blogger Zheng junxai5 said...

zhengjx20160603
jordan 3s
coach outlet online
kate spade handbags
air force 1 trainers
coach factory outlet online
cheap air jordans
kobe 8
oakley outlet
air jordan shoes
toms outlet
coach outlet
toms shoes
michael kors outlet online
kobe shoes
michael kors purses
nike store
cheap louis vuitton handbags
kobe 8
louis vuitton outlet stores
cheap jerseys
ralph lauren outlet
coach outlet
air jordan femme
coach outlet store online clearances
hollister clothing store
louis vuitton purses
asics shoes for men
ralph lauren outlet
coach factory outlet online
michael kors outlet online
fitflop shoes
celine handbags
nike roshe run
nike roshe run
replica rolex watches
louis vuitton outlet
michael kors handbags
asics running shoes
coach factory outlet online
louis vuitton

giugno 03, 2016  
Blogger Xiaozhengm 520 said...

nike factory outlet
louis vuitton outlet
michael kors outlet
true religion
louis vuitton outlet
louis vuitton
polo ralph lauren
cheap jordan shoes
christian louboutin outlet
louis vuitton bags
jordan retro
toms shoes
michael kors
ray ban sunglasses
hollister clothing store
jordan 8s
louis vuitton outlet
pandora jewelry
beats headphones
replica watches for sale
nike free run 2
burberry outlet online
coach outlet store online clearances
air jordan 13
jordan 3 infrared
louis vuitton bags
air max 90
michael kors handbags
jordan 6
ghd hair straighteners
christian louboutin outlet
designer handbags
michael kors outlet online
kate spade
michael kors outlet online
kobe 9
fitflop sandals
louis vuitton outlet
2016.6.21haungqin

giugno 21, 2016  

Posta un commento

<< Home