18 marzo 2008

Veltroni, la morte come show

Thomas Eakins, The Agnew Clinic, 1889

di Giampaolo Rossi
Il veltronismo è tante cose insieme che nel loro insieme sono nulla. E’ una bella politica che però non è politica perché nel suo mescolare utopia e sogno, in fondo la nega. E’ cultura salottiera, che però non è cultura perché non prova a leggere il mondo che cambia, ma si riduce a intellettualismo nevrotico e narcisista. Ma il veltronismo è soprattutto ricerca emozionale per trasformare la politica e la cultura in semplici suggestioni; e in questa ricerca Veltroni utilizza spesso la morte come un elemento di costante presenza, quasi per compensare qualcosa di sé.
Marianna Madia, la giovane “economista” capolista del Pd a Roma, in una recente intervista al Corriere della Sera, ha rivelato che Walter Veltroni fu conquistato da lei al funerale del padre, folgorato dal “piccolo discorso” che lei fece e di cui neanche si ricorda. Che un funerale diventi il luogo di selezione della nuova classe politica del Pd può essere oggetto di facile ironia, ma il problema è più complesso. L’episodio non casuale, conferma un’ossessiva quanto inquietante dipendenza veltroniana dalla morte che mette insieme uno spirito adottivo (che va dai figli degli amici scomparsi
di cui si circonda, ai bambini africani), ad un uso strumentale e politico della morte.
Nel febbraio scorso durante il discorso di commiato da Sindaco al Palalottomatica di Roma, Veltroni ha citato un elenco interminabile di morti. Una sorta di seduta spiritica collettiva dove ha evocato molte giovani vittime di tragici fatti di cronaca: Gabriele Sandri il tifoso della Lazio ucciso in un autogrill di Arezzo, Marta Russo la studentessa uccisa all’università di Roma nel 1997, Benedetta Ciaccia la ragazza romana morta nell’attentato di Londra del 2005, Renato Biagetti il 26enne aggredito e assassinato a Fiumicino; Veltroni ha menzionato anche quelli di cui non ricordava il nome, come “il ragazzo di 17 anni ucciso per errore durante una rapina”. Ora, al di là del cattivo gusto di citare solo i casi di vittime non attribuibili in alcuna maniera alle responsabilità di chi amministra la città, rimane l’effetto scenico costruito attorno a tutto questo: ad ogni nome citato applausi e foto ai parenti in sala, povere presenze dignitose e in buona fede nel dare una forma visibile ad un dolore fuori contesto in quel carosello di intellettuali e politici. Fino all’apoteosi finale: l’abbraccio cosmico tra la mamma di Valerio Verbano (il giovane di sinistra assassinato negli anni ’70 dai Nar) e Giampaolo Mattei (fratello di Virgilio e Stefano, uccisi nel rogo di Primavalle), sotto i flash dei fotografi e lo sguardo languido e pietoso di Veltroni, pontefice massimo di un rituale dove la morte diventava show e la tragedia degli anni di piombo uno spot da campagna elettorale. Il richiamo della morte sembra essere per Veltroni una nuvola avvolgente con cui suscitare emozione in ogni uscita pubblica.
Nel Marzo del 2007 a Torino, il sedicenne Matteo Maritano (mamma filippina e papà italiano) si è ucciso gettandosi nel vuoto. Il suicidio di un ragazzo meriterebbe la dignità del silenzio e invece iniziarono subito le polemiche su una sua presunta omosessualità perseguitata a scuola, finché un’inchiesta della Procura di Torino escluse il bullismo come causa del suicidio. Nel frattempo Walter Veltroni pubblicava un breve racconto per il Corriere della Sera, dal titolo “Aspetta te stesso”. La storia era esattamente quella del povero Matteo fin nei minimi particolari, solo modificata di alcuni elementi marginali (il protagonista ora si chiamava Giulio ed era di origine peruviana e non filippina). L’idea di usare la tragedia di un ragazzo che si uccide per mettere alla prova la propria vanità letteraria renderebbe imbarazzante qualsiasi commento. Il dramma esistenziale vero, giocato nel dolore di un corpo straziato, diventa narcisismo letterario per un gadget da Corriere della Sera che ha consentito a Veltroni di riempire le pagine di articoli melensi sulle sue capacità di scrittore. Un’operazione indecente, ma Veltroni è anche questo.
Nel Maggio dello stesso anno, a Roma si sono svolti i funerali di Vanessa Russo, la giovane uccisa in metropolitana da una ragazza rumena. Veltroni non c’era, era in Africa per l’annuale viaggio di solidarietà con gli studenti delle scuole romane con il seguito di fotografi e troupe tv perché la solidarietà è una bella cosa soprattutto sorridendo davanti a una telecamera. Poco dopo il funerale di Vanessa l’Ansa batteva la seguente agenzia: "Il sindaco di Roma Walter Veltroni e gli studenti romani hanno osservato un minuto di silenzio in Malawi per Vanessa, lungo la strada che porta all'aeroporto di Lilongwe; i cento studenti, scesi dai pullman, si sono raccolti in cerchio e in silenzio al lato della strada, con loro il delegato per la cooperazione Giobbe Covatta”. L’immagine di Veltroni in raccoglimento a fianco di Giobbe Covatta e degli studenti in mezzo a una strada in Malawi, affranto ma desto a dettare all’Ansa il comunicato del suo dolore africano, era una scena surreale che dimostrava l’essenza del gesto. Qualcosa di più di una semplice strumentalizzazione politica del dolore: una sorta di macabro rituale necrofilo con cui forzare le sensazioni e mettere a posto la coscienza.
Nel suo discorso al Lingotto di Torino, dove lanciava la propria candidatura a segretario del Pd, Walter ha letto l’ultima struggente lettera di una ragazza di 15 anni morta di leucemia, come paradigma dei “nuovi italiani”, sapendo perfettamente che un adolescente di fronte alla morte non è una categoria sociologica ma racchiude un mistero più grande sul nostro senso del vivere che non dovrebbe essere buttato dentro la miseria di un discorso politico.
Insomma Veltroni infila la morte a forza nel gioco delle emozioni che la sua politica dovrebbe suscitare. E la sua abilità sta anche nello sfruttare le debolezze di coloro che il dolore della morte l’hanno sperimentato su se stessi: i genitori della ragazza che gli concedono la lettera, così come i parenti di vittime più o meno illustri di cui Veltroni ama circondarsi per caricare il valore simbolico della loro presenza su di sé. E’ come se il loro dolore rievocato nelle cerimonie, nelle parole, nelle letture, compensasse un suo personale rapporto irrisolto con la morte. Ma oltre a questo Veltroni svuota la morte di ogni mistero, la spoglia di ogni essenza tragica. La trasforma in vezzo letterario, in citazione narcisistica, in operazione di marketing politico, in uno show di lacrime, abbracci, baci sotto flash e telecamere. Pochi politici saprebbero essere così spregiudicati e convincenti nel giocare con le debolezze e le inquietudini di padri, madri, figli cui il destino ha portato via una persona cara. Pochi politici saprebbero fare un uso più cinico e strumentale della morte. Questa necrofilia ad uso politico è il prodotto più macabro e indecente del veltronismo.
© Il Domenicale, Sabato 15 Marzo 2008
Immagine: Thomas Eakins, The Agnew Clinic, 1889

26 Comments:

Blogger Corto Maltese said...

Come già detto, pezzo da applausi; anche perchè lo sappiamo bene, è proprio di tutte le culture totalitarie costruire un rapporto ideologico con la morte. Dici bene, Pontefice, poichè nell'ideologismo veltroniano è possibile sostituire l'istituzione religiosa dei cattolici entrati nel Pd con la missione "democratica" ideata da Walter. Ma se la seconda figura del novecento è appunto il Milite ignoto, la terza è il Ribelle...saluti frater!

marzo 19, 2008  
Blogger Mang said...

Ciao sono Mang di Arca-Blog, ti interessa essere aggiunto alla nostra Lista Link? In più il tuo blog potrebbe facilmente essere recensito dal nostro staff!
Non cè bisogno nè di registrazione nè di scambio link o banner: basta un commento!

marzo 22, 2008  
Anonymous Robinik said...

Ciao carissimo. Perdonami l'OT ma ho bisogno di contattarti via mail e non trovo più il tuo indirizzo :(
puoi mandarmelo a info[@]robinik[.]net ?

Grazie e Buona Pasqua
Rob

marzo 23, 2008  
Blogger faber said...

Più che il veltronismo, lo spettro è il nascente veltrusconismo...
Sin dal suo annuncio, lo spregiudicato progetto di bipartitismo concordato (recentemente proprio il Cavaliere, intervistato su Sky TG24, ha candidamente ammesso di aver condiviso l’idea proprio con Walter…) ha generato più di un sospetto. Non convinceva l’ipotesi di rendermi complice della nascita di uno scenario americaneggiante nel quale i due ‘partiti contenitore’ potessero conquistare oltre l’80% dei voti, arrivando ad un controllo assoluto del potere politico (e non solo..), saldamente consegnato nelle mani dei due leader e dei pochi fedelissimi sodali. Una vera oligarchia…

faber2008.blogspot.com/2008/04/dal-contenitore-al-cassonetto-il-passo.html

aprile 13, 2008  
Anonymous Anonimo said...

L’eredità di Walter Veltroni

Antonello De Pierro, presidente di Italia dei Diritti, esprime la sua gratitudine a Veltroni per quello che è stato fatto nella capitale durante i suoi due mandati.



14/02/2008 - Roma – “Pur se inevitabili, queste dimissioni mi rattristano e commuovono. Roma perde un grande sindaco, che mi auguro possa trasferire il modello vincente della capitale su scala nazionale, per risollevare le sorti di un paese che affonda negli abissi di un declino senza precedenti”. Queste le dichiarazioni del presidente del movimento nazionale Italia dei Diritti Antonello De Pierro sull’ultimo giorno da sindaco di Walter Veltroni.

Ieri, a metà giornata, Veltroni è entrato nell’aula Giulio Cesare e davanti al consiglio comunale ha presentato le proprie dimissioni, ricordando in modo commosso i suoi sette anni di governo romano, e passando in rassegna i fatti salienti, dallo scoppio della palazzina di via Ventotene all’omicidio di Giovanna Reggiani, passando per i funerali di Alberto Sordi, e per le migliaia di mani strette, persone incontrate, decisioni prese.

La giornata si è conclusa con la partecipazione di Veltroni alla puntata di “Porta a porta” che lo ha visto protagonista e che ha dato definitivamente inizio alla sua campagna elettorale.

“Ho avuto modo di apprezzare Veltroni in più di un occasione” continua De Pierro, “ma in particolare mi sono nutrito al banco della sua sensibilità umana e civile in occasione di un incontro - conferenza durante la campagna del suo primo mandato. Temo che difficilmente assisteremo in futuro ad un ciclo amministrativo così felice e proficuo per la città”.

aprile 20, 2008  
Anonymous Anonimo said...

I nomi dei mesi si scrivono in minuscolo, ignorante del cazzo.

agosto 04, 2008  
Anonymous Anonimo said...

i nomi dei mesi e dei giorni possono essere scritti indifferentemente in maiuscolo o minuscolo. Consuetudine (e non regola) vuole i mesi in maiuscolo e le settimane in minuscolo. Ma può essere anche viceversa. Mi sa che l'ignorante sei te.
Virgo

ottobre 27, 2009  
Anonymous Anonimo said...

bartorero

consumibles informatica

Directorio de Blogs

posicionamiento web

juegos gratis wii

Portal Mascotas

accesorios movil

tienda informatica

intercambio de enlaces

unetcom-kids

empresa informatica

fotos de coches

naves industriales china

novembre 14, 2009  
Anonymous Anonimo said...

La ringrazio per Blog intiresny

novembre 16, 2009  
Anonymous Anonimo said...

Perche non:)

novembre 26, 2009  
Anonymous Anonimo said...

TERAPIAS NATURALES MADRID

ludoteca en madrid

REVENTA DE ENTRADAS

jamón ibérico

CHALET EN MONTECLARO

parquet madrid

Posicionamiento natural

ASNEF

ARTES GRÁFICAS MADRID

MASTER MBA

ESGUINCES MADRID

INMOBILIARIAS EN PLAYA SAN JUAN

MOBILIARIO DE OFICINA EN MADRID

REFORMAS MADRID

ASESORAMIENTO EN LAS ROZAS

dicembre 02, 2009  
Blogger Yoly said...

###### SEGUNDAMANO - coches de segunda mano
######

gennaio 22, 2010  
Blogger Yoly said...

Calderas - Instalacion de calderas, venta de calderas, calderas en madrid, calderas de gas, calderas de gasoil, reparaciones de calderas, reparacion de calderas

aprile 12, 2010  
Blogger knoppix said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

aprile 21, 2012  
Anonymous feicia28 said...

calderas ferroli
calderas vaillant
calderas roca
calderas saunier duval
calderas junkers
Calderas de Gas
instalacion de calderas
calefaccion

aprile 28, 2012  
Blogger f3rch0plyr said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

giugno 07, 2012  
Anonymous aire acondicionado said...

aire acondicionado
calderas de gas
reformas
reformas
aire acondicionado
poceros

giugno 26, 2012  
Blogger Leonardo Osorio said...

Visitenos, muy inteserante, blog de muy buen contenido Fontaneros

ottobre 17, 2012  
Blogger Nestor Ayala said...

Excelente blog, gracias Att : calderas ferroli

ottobre 17, 2012  
Blogger wendy gomez said...

Excelente blog de muy buen contenido, Gracias un saludo Att. calderas de gas

ottobre 17, 2012  
Blogger ninest123 said...

ninest123 16.02
oakley sunglasses, polo ralph lauren outlet, prada handbags, oakley sunglasses, louboutin, michael kors outlet, tiffany jewelry, ray ban sunglasses, ugg boots, ugg boots, louis vuitton, ugg boots, ray ban sunglasses, louis vuitton outlet, louis vuitton, burberry outlet online, replica watches, replica watches, louis vuitton outlet, prada outlet, michael kors outlet, longchamp outlet, burberry, michael kors outlet, louboutin outlet, ray ban sunglasses, nike outlet, cheap oakley sunglasses, ugg boots, gucci outlet, tory burch outlet, chanel handbags, uggs on sale, polo ralph lauren outlet, michael kors outlet, nike air max, michael kors, nike air max, louboutin shoes, louis vuitton, christian louboutin outlet, oakley sunglasses, michael kors outlet, tiffany and co, nike free, jordan shoes, longchamp, longchamp outlet, oakley sunglasses

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

louboutin pas cher, converse pas cher, true religion jeans, nike free, longchamp, true religion outlet, coach purses, nike trainers, burberry, coach outlet, air max, new balance pas cher, replica handbags, true religion jeans, nike roshe run, nike roshe, north face, ralph lauren pas cher, sac guess, mulberry, true religion jeans, timberland, michael kors, tn pas cher, longchamp pas cher, ray ban pas cher, nike huarache, nike air max, north face, hermes, oakley pas cher, vans pas cher, hollister, ray ban uk, hollister pas cher, abercrombie and fitch, ralph lauren uk, nike blazer, michael kors, sac longchamp, nike free run uk, air force, lululemon, michael kors, air jordan pas cher, nike air max, lacoste pas cher, hogan, nike air max, michael kors, vanessa bruno

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

iphone cases, vans, insanity workout, herve leger, ghd, nike air max, iphone 6 cases, giuseppe zanotti, asics running shoes, gucci, bottega veneta, ipad cases, lululemon, s5 cases, oakley, ralph lauren, reebok shoes, iphone 5s cases, nike roshe, timberland boots, converse, north face outlet, p90x workout, jimmy choo shoes, mcm handbags, north face outlet, mac cosmetics, ferragamo shoes, soccer jerseys, valentino shoes, hollister, louboutin, iphone 6 plus cases, beats by dre, iphone 6s plus cases, chi flat iron, abercrombie and fitch, instyler, wedding dresses, celine handbags, mont blanc, iphone 6s cases, babyliss, baseball bats, nfl jerseys, new balance, hollister, vans shoes, ray ban, soccer shoes, birkin bag, nike air max

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

toms shoes, canada goose uk, sac louis vuitton pas cher, canada goose, hollister, barbour jackets, converse outlet, barbour, louis vuitton, bottes ugg, moncler, marc jacobs, louis vuitton, supra shoes, juicy couture outlet, moncler, moncler, montre pas cher, moncler, doke gabbana outlet, replica watches, ugg pas cher, louis vuitton, canada goose, karen millen, pandora jewelry, moncler, ugg,ugg australia,ugg italia, doudoune canada goose, coach outlet, pandora charms, swarovski crystal, links of london, pandora jewelry, canada goose, lancel, louis vuitton, wedding dresses, moncler, pandora charms, canada goose outlet, moncler, ugg boots uk, thomas sabo, canada goose outlet, juicy couture outlet, ugg,uggs,uggs canada, canada goose, swarovski, moncler outlet
ninest123 16.02

febbraio 22, 2016  
Blogger Zheng junxai5 said...

zhengjx20160603
adidas superstar trainers
nike sb janoski
pandora charms
louis vuitton outlet
louis vuitton outlet
true religion jeans
coach outlet store online
pandora jewelry
coach outlet store online
supra footwear
tory burch flats
louis vuitton outlet
nike air max uk
louis vuitton outlet
louis vuitton
michael kors outlet clearance
oakley outlet
jordan 11
nike trainers sale
michael kors outlet clearance
toms shoes outlet online
coach outlet
michael kors outlet
coach outlet online
ray bans
louis vuitton outlet
celine bags
adidas running shoes
air jordan 8
gucci bags
cheap jordans
kobe 10
nike air max 90
gucci handbags
ray ban sunglasses outlet
concord 11
louis vuitton outlet
louis vuitton bags
michael kors outlet clearance

giugno 03, 2016  
Blogger Xiaozhengm 520 said...

christian louboutin shoes
ralph lauren outlet
jordan 8
michael kors outlet clearance
tory burch outlet
ray ban sunglasses
lebron james shoes 13
michael kors outlet
timberland outlet
gucci handbags
supra shoes
louis vuitton handbags
jordan 4
kevin durant shoes 8
giuseppe zanotti sneakers
toms
true religion jeans
fitflops
air max 90
cheap oakleys
jordan shoes
caoch outlet
ray bans
louboutin pas cher
louis vuitton handbags
michael kors handbags
coach outlet
christian louboutin sale
cheap jordan shoes
coach factory outlet
ray ban sunglasses
christian louboutin outlet
nike sb shoes
fake watches
coach outlet
oakley sunglasses
michael kors handbags
louis vuitton outlet
2016.6.21haungqin

giugno 21, 2016  

Posta un commento

<< Home