11 ottobre 2007

Il Mostro (un racconto con-senso)

Aaaaarghh!!!. Un urlo terrificante scosse la tranquilla notte della paciosa città veltroniana fatta di arcobaleni, zucchero filato e sicurezza sociale. Uaaaargghh!!! Poco dopo un secondo urlo lancinante oscurò la luna e rese tenebroso il mite clima della capitale; la dolce e serena Roma sembrò per un attimo Baghdad. Qualcuno corse a sprangare porte e finestre. Le urla strazianti continuarono… Uuuuaaargh!!! Il timore che qualcosa di orribile stesse accadendo prese il sopravvento all'idea diffusa, e tutto sommato meno inquietante, che fossero le grida disperate di poveri lavavetri che scappavano alle retate dei nuovi sceriffi democratici e progressisti. Al quarto "Uuuuuaaargh" che squarciò l’aria il panico si diffuse; capannelli di persone animarono le strade e, nella suggestione generale, qualcuno giurò di aver visto file di Rom incatenati lungo il Raccordo anulare, deportati in nome del nuovo corso del buonismo interventista.
Ma la verità ricompose presto il senso e la misura delle cose: quelle urla strazianti provenivano dalla casa dell’Anarca. Era successo che l’Anarca aveva intravisto allo specchio il fantasma delle sue paure. Gli incubi che si stavano facendo veri. Quella notte non era riuscito a prendere sonno. Si era girato e rigirato nel letto in preda a visioni terrifiche. Sentiva il suo corpo in fiamme. Era sceso a bere dell’acqua quando ad un certo punto, passato davanti allo specchio… (Aaaaaarghh al solo ripensarci!), aveva visto l’orribile immagine riflessa. Si era voltato di scatto convinto che quell’essere mostruoso fosse dietro di lui. Nulla. Non c’era nessuno. Quell’essere mostruoso era lui. Come poteva essere successo? Quale malvagio incantesimo lo aveva colpito? Lentamente il suo mento si era ingiallito e stava divenendo floscio e lombrichesco, i nei coprivano le sue guance, due spessi occhiali tondi ora erano poggiati sul suo naso, la fronte spaziosa nascondeva flussi di idee, di film, di sceneggiature, di racconti su suicidi e bambini africani. Non era colpa della luna piena. Non era andato a cena con Maria Latella, né aveva fatto un trans-tour con Sircana. C’era una sola possibilità: l’Anarca stava diventando veltroniano.
Erano giorni che l’Anarca non si sentiva bene. Aveva letto l'intervista di Veltroni sulla signora Veronica e anche lui aveva riso a crepapelle a quella cazzata intarsiata di gemme preziose che il futuro uomo nuovo della sinistra aveva detto di Veronica Lario: "in questi anni, ho molto apprezzato la sua discrezione", che detto di una signora che ha sputtanato il marito sulla prima pagina di Repubblica assomigliava dannatamente a una gaffe berlusconiana. Ma proprio questo un po' lo inquietava, questa somiglianza: l’idea che Veltroni fosse in fondo un po' Berlusconi. Insomma era come se lanuovastagionepuntoit avesse mischiato le identità.
L'Anarca, come Zelig, aveva impiegato anni per prendere le sembianze del Cavaliere: la sua bandana, il suo cerone, il suo sorriso smagliante, il doppio petto blu. Ora i simboli della sua simbiotica devozione berlusconiana erano scomparsi. L'Anarca stava subendo una trasmutazione genetica. Si gettò a terra come a rifiutare il Mostro che ormai era in lui e cominciò a ruminare col cervello: nel mondo alla rovescia dei sogni veltroniani, la sinistra cercava di rubare il posto alla destra senza tanti complimenti. Stava succedendo che le ultime gocce del berlusconismo erano ormai risucchiate nell’oceano del veltronismo imperante. Non c'era nulla, più nulla che arginasse la marea montante. In termini di cazzate dette, Veltroni e la nuova sinistra ormai combattevano ad armi pari con il Cavaliere.
Strano paese questo dove si pensava che il berlusconismo fosse morto ed invece si diffondeva a macchia d'olio proprio nel campo di coloro che l’avevano combattuto per anni. La sinistra che denunciava l’uso criminoso della giustizia, l’uso criminoso delle piazze,
l’uso criminoso della televisione, l’uso criminoso dell’immigrazione (meglio se rumena), l’uso criminoso del crimine dopo l’indulto, l’uso criminoso delle votazioni. La sinistra che perseguitava magistrati, giornalisti, immigrati, fuoriusciti per indulto; la sinistra che corteggiava signore borghesi e miliardarie open mind.
Ma c'era un altro vantaggio. Il nuovo berlusconismo di sinistra liberava la destra dalla pressione psicologica di sentirsi impresentabile. Perché, finalmente, anche la sinistra lo era. Certo, Veltroni avrebbe continuato a dire cose che il Cavaliere non si sarebbe neanche sognato: tipo che la solitudine delle vecchiette era anche la sua… ma in cuor nostro sapevamo tutti che col cavolo che Veltroni, come Berlusconi e come la maggiorparte di noi, si sarebbe mai portato a casa una vecchietta sola. E alla fine tutto questo ci tranquillizzava: il miliardario imprenditore che costruiva il Vesuvio in miniatura nel parco della sua villa non era più volgare del sindaco di Roma che comprava casa da un ente pubblico con il 70% di sconto, intestandola alla moglie, mentre nella sua città migliaia di senza tetto e sfrattati avrebbero continuato a votarlo.
Il veltronismo era la malattia senile del berlusconismo. Ma questo non consolava il povero Anarca che stava diventando sempre più lombrichesco e iniziava a citare Olaf Palme, Martin Luther King, Dossetti, Pasolini e Zio Paperone.

Il delirio dell'Anarca aumentava e i suoi pensieri si rincorrevano: i
l mondo alla rovescia avrebbe reso finalmente presentabile Berlusconi l’Impresentabile, non perché ora fosse più presentabile di prima, ma perché il Presentabile per eccellenza (Veltroni), il fascinoso riflessivo sulla pelle degli altri, ora assomigliava sempre più all’Impresentabile. Questa loro comunanza poteve rendere finalmente normale il paese. Ma l'Anarca, che a differenza di Veltroni non era mai stato un alto dirigente del Pci ma Marx l’aveva letto, quella frase sulla storia che si ripete due volte, la prima in tragedia la seconda in farsa, l’aveva sempre fatta sua. Il barbone di Treviri lo aveva detto chiaramente nel suo plamphet contro Luigi Bonaparte. E il berlusconismo di ritorno nelle sembianze di Veltroni era più una farsa che una tragedia… o forse era farsa e tragedia insieme.
C'è una morale in questo tragico racconto. Il volto sfigurato dell’Anarca si accompagnava ai suoi singhiozzi. Quel Mostro davanti allo specchio dava l’amarezza di un mondo al contrario ma forse anche l’ultima sua grande soddisfazione. L’Anarca berlusconiano che si trasformava nel mostro di Veltroni era il segno indelebile di una vittoria. L'Anarca cedeva il suo corpo a Veltroni ma rimaneva berlusconiano. L’estrema grandiosa beffa del Cavaliere; aver berlusconizzato i suoi nemici e, concedendo loro l'illusione di un'immagine, li aveva ridotti definitivamente a sé.

Immagine: Francis Bacon, Ritratto di Michel Leris, 1976

Etichette:

13 Comments:

Anonymous Inyqua said...

Beh dai, per quanto antipaticuccio e fascistello, sei decisamente meglio di Veltroni...e senz'altro meglio anche di Berlusconi.

Per caso ti butti in politica?
:-))))

Ciao Anarcuccio del mio cuor, mi piace quando scrivi cose come queste...ti ritorna l'aspetto umano ed il corredo neuronico...
;-)

ottobre 11, 2007  
Anonymous Manu said...

Ma no Anarca, sta tranquillo, io ti ho visto qualche giorno fa... non è che ti eri preso qualcosa prima di specchiarti? Eppoi si vede che Veltroni è una brutta copia... le gaffe di Berlusconi fanno ridere, lui rosica come un addannato, in più non ha un sorriso a 72 denti, è bianchiccio e molliccio, un po' sciatto. E' un vorrei ma non posso. E' per questo che lo odia tanto...

ottobre 12, 2007  
Anonymous Anonimo said...

gli incubi vengono normalmente a chi ha esagerato nelmangiare o nel bere oppure ad ascoltare ( e vedere) i nostri politic..anti!
Se non si è fatta la rpima cosa, spegnere immediatamente la TV!

ottobre 12, 2007  
Anonymous Anonimo said...

Spettacolare! Anarca scriviiiiiiii!!!!
Susy

ottobre 12, 2007  
Anonymous Morrigan said...

Ecco cosa succede, caro Anarca, quando si passa da un Cyrano a un Veltroni. Sporgendoti dallo spessore del primo sei precipitato nel "sottotraccia" del secondo. Perche il Uualter in questione è una non-identità, quindi una sanguisuga di umori altrui. Questo bambino con adipe a seguito è il protagonista del film targato sinistra dal titolo: "L'utile idiota 2°". Infilza slogan di destra e sinistra per far credere di avere una mente (questa è la cosa difficile) aperta e universale (ma dai!!). E nel mezzo sciorina banalità e buonismi da parroco di campagna. L'omino già si immagina seduto sul trono imperial-democratico ed elargisce perle di saggezza a cui non crede neanche lui.

Vedrai, Anarca, il tuo male veltronian-berlusconizzato non durerà a lungo, ma disintossicati per bene per evitare ricadute.

ottobre 12, 2007  
Anonymous Pasticca said...

Anarca, non sei venuto a cena a casa mia ultimamente.
Hai cambiato spacciatore?

ottobre 15, 2007  
Anonymous Anonimo said...

Unipol, i rom, Santoro. Filotto. Impressiona davvero la destrizzazione che prende piede a sinistra.

Quello che però a me un po' spaventa è che anche il giustizialismo prende sempre più piede - il tandem Grillo-Travaglio docet. Anarca, credi che con un'eventuale e non tanto remota berlusconizzazione di Repubblica sia destinato ad afflosciarsi anche il giustizialismo come le gote di Veltroni, o no?

vincenzillo.splinder.com

ottobre 15, 2007  
Blogger Pietro said...

Lo hai detto Anarca!
Sia benedetto Iddio!
Qualcuno lo ha detto!
Qualcuno ha pronunciato la bestemmia liberatoria nel giorno stesso di questa farsesca Messa (in scena) solenne. Solitario l'urlo si e' appena percepito nel silenzio orante del pontificale, tra le pianete bianche oro della festa, tra le mitrie chine dei cardinali in pectore, prostrati in gioiosa adorazione sull'immenso sagrato mediatico.
"E' carne di Satana l'agnello che state per immolare!" Voce di uno che grida nel deserto!

Ecco come rispondeva non piu' tardi di Venerdi, uno dei piu' frequenti animatori del Blog linkato dall'Anarca, alle mie considerazioni sulla vacuita' veltroniana:

" E' ovvio che ora contino molto gli slogan, poi vedremo concretamente ... Sappiamo tutti che, dati i sondaggi sulla sua popolarità, o ci fa vincere lui o non ci fa vincere neanche Berlinguer resuscitato! "

Ecco, tutto si e' compiuto.
Lo abbiamo trovato anche noi il nostro Nano.

ottobre 15, 2007  
Blogger Fiandri said...

Sempre bello leggere parole intelligenti e oneste. Sbagliatissime eh?, ma intelligenti e oneste.
:)

ottobre 15, 2007  
Blogger ninest123 said...

ninest123 16.02
oakley sunglasses, polo ralph lauren outlet, prada handbags, oakley sunglasses, louboutin, michael kors outlet, tiffany jewelry, ray ban sunglasses, ugg boots, ugg boots, louis vuitton, ugg boots, ray ban sunglasses, louis vuitton outlet, louis vuitton, burberry outlet online, replica watches, replica watches, louis vuitton outlet, prada outlet, michael kors outlet, longchamp outlet, burberry, michael kors outlet, louboutin outlet, ray ban sunglasses, nike outlet, cheap oakley sunglasses, ugg boots, gucci outlet, tory burch outlet, chanel handbags, uggs on sale, polo ralph lauren outlet, michael kors outlet, nike air max, michael kors, nike air max, louboutin shoes, louis vuitton, christian louboutin outlet, oakley sunglasses, michael kors outlet, tiffany and co, nike free, jordan shoes, longchamp, longchamp outlet, oakley sunglasses

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

louboutin pas cher, converse pas cher, true religion jeans, nike free, longchamp, true religion outlet, coach purses, nike trainers, burberry, coach outlet, air max, new balance pas cher, replica handbags, true religion jeans, nike roshe run, nike roshe, north face, ralph lauren pas cher, sac guess, mulberry, true religion jeans, timberland, michael kors, tn pas cher, longchamp pas cher, ray ban pas cher, nike huarache, nike air max, north face, hermes, oakley pas cher, vans pas cher, hollister, ray ban uk, hollister pas cher, abercrombie and fitch, ralph lauren uk, nike blazer, michael kors, sac longchamp, nike free run uk, air force, lululemon, michael kors, air jordan pas cher, nike air max, lacoste pas cher, hogan, nike air max, michael kors, vanessa bruno

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

iphone cases, vans, insanity workout, herve leger, ghd, nike air max, iphone 6 cases, giuseppe zanotti, asics running shoes, gucci, bottega veneta, ipad cases, lululemon, s5 cases, oakley, ralph lauren, reebok shoes, iphone 5s cases, nike roshe, timberland boots, converse, north face outlet, p90x workout, jimmy choo shoes, mcm handbags, north face outlet, mac cosmetics, ferragamo shoes, soccer jerseys, valentino shoes, hollister, louboutin, iphone 6 plus cases, beats by dre, iphone 6s plus cases, chi flat iron, abercrombie and fitch, instyler, wedding dresses, celine handbags, mont blanc, iphone 6s cases, babyliss, baseball bats, nfl jerseys, new balance, hollister, vans shoes, ray ban, soccer shoes, birkin bag, nike air max

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

toms shoes, canada goose uk, sac louis vuitton pas cher, canada goose, hollister, barbour jackets, converse outlet, barbour, louis vuitton, bottes ugg, moncler, marc jacobs, louis vuitton, supra shoes, juicy couture outlet, moncler, moncler, montre pas cher, moncler, doke gabbana outlet, replica watches, ugg pas cher, louis vuitton, canada goose, karen millen, pandora jewelry, moncler, ugg,ugg australia,ugg italia, doudoune canada goose, coach outlet, pandora charms, swarovski crystal, links of london, pandora jewelry, canada goose, lancel, louis vuitton, wedding dresses, moncler, pandora charms, canada goose outlet, moncler, ugg boots uk, thomas sabo, canada goose outlet, juicy couture outlet, ugg,uggs,uggs canada, canada goose, swarovski, moncler outlet
ninest123 16.02

febbraio 22, 2016  

Posta un commento

<< Home