25 giugno 2007

crisi della politica e crisi della nazione: qualche idea per una destra che pensa

Norman Rockwell, Freedom of speech, 1943
In quest’epoca di solide incertezze che attraversano i nostri torridi pomeriggi romani, qualche lettura ci aiuta a riflettere e ci apre stimoli sensoriali maggiori di un buon bicchiere di Amarone. Può succedere quindi che un aristocratico signore dalla campagna inglese, un po’ dandy e molto retrò, ci dia una mano a capire che in Italia la crisi della politica strimpellata dai cantastorie dei grandi giornali, in realtà è una crisi più profonda che sta minando le basi della nostra convivenza civile.
In uno dei saggi raccolti nell’ultimo libro tradotto dall’editore italiano con l’agghiacciante titolo di "Manifesto dei conservatori", Roger Scruton ci spiega perché, dopo un secolo di internazionalismo proletario, di ipertrofia dell'Io capitalista, ubriacati dal relativismo, ci dovremmo dannare tanto a conservare quella cosa strana che si chiama "Nazione", invece che abbandonarci al caldo abbraccio del buonismo ecumenico tanto in voga tra le persone colte. Con assoluta naturalezza, senza bisogno di spolverare vecchi cappotti fuori moda tirati via dalla naftalina, Scruton ci spiega che la lealtà nazionale è la base di ogni vera e salutare cittadinanza. Se quest’ultima è “quel vincolo che si instaura tra lo stato e l’individuo nel momento in cui ciascuno si assume piena responsabilità nei confronti dell’altro”, essa non può essere slegata da un principio di "appartenenza comune". Quello che consente ad estranei di fidarsi gli uni degli altri costruendo le basi di una solidarietà concreta in grado di garantire libertà, sicurezza e sviluppo economico, è il superamento di una concezione tribale o confessionale dell’ordine sociale, ma soprattutto l’obbligo di sentirsi sottoposti ad un insieme di regole condivise e accettate.
L'analisi è chiara: la nazione nasce da un territorio comune e condiviso, da un contratto sociale che porta alla necessità di una giurisdizione territoriale, da una legislazione che implica un processo politico e in questo processo politico il senso dell’identità comune. Il ragionamento di Scruton ci fa dedurre che solo la nazione riesce ad essere luogo di sovranità della politica. E non è un caso che questo schifo di Europa e questo aberrante “spirito europeo”, altro non è che il tentativo di svuotare le nazioni europee di significato per consegnare i processi politici e decisionali nelle mani delle grandi burocrazie transnazionali che rappresentano la morte della politica come luogo di decisione sovrana e di auctoritas. E' laddove "(...) terra e legge si coniugano che si forma una vera lealtà nazionale" e con essa ruolo della politica e principio di responsabilità dei governanti, principio che i processi transnazionali annullano.
La cultura politica della destra non liberale, il cui retaggio affonda nella grandi rivoluzioni nazionali del ‘900 e nel loro tragico epilogo dell’autoritarismo dettato dalla riduzione della lealtà nazionale a nazionalismo (che Roger Scruton definisce una patologia) e di una modernità declinata nell’orrore ideologico, ha sempre guardato con enorme sospetto il principio contrattualista come elemento di negazione delle appartenenze comunitarie. Scruton smentisce esattamente questo: "(...) i teorici del contratto sociale ne scrivono come se esso presupponesse solo il pronome di prima persona singolare della libera scelta razionale. Di fatto presuppone il pronome di prima persona plurale per il quale sono già stati assunti gli oneri di appartenenza". Non può esistere alcun contratto sociale senza un legame di appartenenza che dia senso alla relazione tra i membri.
Le riflessioni di Scruton ci aiutano a comprendere aspetti essenziali di alcune dinamiche geopolitiche contemporanee (come ha giustamente notato l’ottimo Mariniello per l’attuale crisi palestinese). Ma soprattutto ci fanno capire che la crisi che attraversa il nostro paese è più profonda e radicale e coinvolge anche quei soggetti sociali che cercano di tirarsene fuori denunciando una crisi della politica (sindacati, intellettuali, mondo dell'economia ecc.). Non è semplice crisi di una classe politica che i poteri forti alimentano nei loro giornali per accelerare la sostituzione con abili fantocci decisi da loro. La crisi del nostro paese è innanzitutto tutto crisi del rapporto tra cittadinanza, identità e lealtà nazionale a tutti i suoi livelli. Una crisi profonda che paradossalmente si risolve solo ricostruendo il tessuto sociale fondandolo su una cittadinanza comunitaria e su un senso di appartenenza che è memoria storica e identità nazionale. Linguaggi e concetti che appartengono da sempre alla cultura politica della destra.
Lasciando tranquillamente Don Milani alle pippe mentali della sinistra più vuota della storia, la cultura politica della destra (semmai c'è) farebbe bene a tirare fuori dalla soffitta dei propri sensi di colpa queste idee, ripulirle dalla polvere della retorica e a renderle progetto politico.
Immagine: Norman Rockwell, Freedom of speech, 1943

Etichette:

13 Comments:

Blogger Corto Maltese said...

Peccato che con questa storia della "nazione",si contino tante nefandezze al pari dello "spirito europeo"...io di Scruton e del suo "conservatorismo" mi fido assai poco...di te, buon Martin, certamente si. La parola nazione, detta da te, non suona come una bestemmia, o peggio, un'allegra presa per iol culo.Montezemolo docet.

giugno 25, 2007  
Anonymous gianmario said...

...io di Scruton e del suo "conservatorismo" mi fido: unico appunto, lo vedo poco "di azione", come invece è il conservatorismo di zio Barry. Sarà la giovane età.
Però il primo capitolo sulla Nazione e quello sulla famiglia li ho graditi molto. C'è una forza in quelle parole, tipica di chi non teme il confronto. Atteggiamento sconosciuto ad una destra italiana ancora troppo succube della sinistra e del suo passato che non riesce a mettere nel posto giusto: la Storia.
Onorato per il link! GM

giugno 25, 2007  
Blogger George Fiorini said...

Ancora un eccellente post, Martin.
Ma sono del parere che cittadini italiani e correlato Stato non faranno mai "all'amore". L'Europa e la sua "unione de facto" l'hanno imposta con la forza per mettersi al riparo da tempi peggiori (in soldoni), ed era lapalissiano che il progetto non prevedeva alcuna "identità europea", che non si può imporre neanche a fucile spianato (non c'è, è inutile cercare).
Personalmente, non vedo l'ora di lasciare questo "stato di morte di Stato": e via in America, l'unico paese che, in soli 30 giorni, è riuscito a farmi sentire un essere umano e non solo un "bloody taxpayer"...e questo dice un po' tutto, credo.
Vai così Martin!

giugno 27, 2007  
Blogger David TTT said...

TERAPIAS NATURALES MADRID

ludoteca en madrid

REVENTA DE ENTRADAS

jamón ibérico

CHALET EN MONTECLARO

parquet madrid

Posicionamiento natural

ASNEF

ARTES GRÁFICAS MADRID

MASTER MBA

ESGUINCES MADRID

INMOBILIARIAS EN PLAYA SAN JUAN

MOBILIARIO DE OFICINA EN MADRID

REFORMAS MADRID

ASESORAMIENTO EN LAS ROZAS

novembre 17, 2009  
Blogger nicol said...

bartorero

consumibles informatica

Directorio de Blogs

posicionamiento web

juegos gratis wii

Portal Mascotas

accesorios movil

tienda informatica

intercambio de enlaces

unetcom-kids

empresa informatica

fotos de coches

naves industriales china

novembre 30, 2009  
Blogger nicol said...

RUEDAS EN VILLALBA

Submarinismo

GESTION STOCKS

Diseño Grafico

PROYECTOS DE EDIFICACION

Almacenaje de Documentacion

Pisos en Las Rozas

Reformas Madrid

Cirujano Plastico

Reunificacion de deudas

Psicologos Boadilla

Carretillas elevadoras en Madrid

Fisioterapia Madrid

Muebles de terraza en Madrid

Bonsái

dicembre 15, 2009  
Blogger nicol said...

automoviles de ocasion

Despedidas de Soltero en Madrid

turismo rural

coches de segunda mano

desguaces

posavasos personalizados

Bulbos Lamparas

comiat soltera barcelona

balon intragastrico

APARATOS CONTROL VALENCIA

sillas hosteleria

GUARNICIONERIA

Servicios contra incendios

Alquiler casas castelldefels

Reparacion proyectores

dicembre 18, 2009  
Blogger nicol said...

coches segunda mano barcelona
coches segunda mano VALENCIA
coches de segunda mano sevilla

gennaio 14, 2010  
Blogger nicol said...

SEGUNDAMANO Coches de ocasión y de segunda mano

ottobre 01, 2010  
Blogger ninest123 said...

ninest123 16.02
oakley sunglasses, polo ralph lauren outlet, prada handbags, oakley sunglasses, louboutin, michael kors outlet, tiffany jewelry, ray ban sunglasses, ugg boots, ugg boots, louis vuitton, ugg boots, ray ban sunglasses, louis vuitton outlet, louis vuitton, burberry outlet online, replica watches, replica watches, louis vuitton outlet, prada outlet, michael kors outlet, longchamp outlet, burberry, michael kors outlet, louboutin outlet, ray ban sunglasses, nike outlet, cheap oakley sunglasses, ugg boots, gucci outlet, tory burch outlet, chanel handbags, uggs on sale, polo ralph lauren outlet, michael kors outlet, nike air max, michael kors, nike air max, louboutin shoes, louis vuitton, christian louboutin outlet, oakley sunglasses, michael kors outlet, tiffany and co, nike free, jordan shoes, longchamp, longchamp outlet, oakley sunglasses

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

louboutin pas cher, converse pas cher, true religion jeans, nike free, longchamp, true religion outlet, coach purses, nike trainers, burberry, coach outlet, air max, new balance pas cher, replica handbags, true religion jeans, nike roshe run, nike roshe, north face, ralph lauren pas cher, sac guess, mulberry, true religion jeans, timberland, michael kors, tn pas cher, longchamp pas cher, ray ban pas cher, nike huarache, nike air max, north face, hermes, oakley pas cher, vans pas cher, hollister, ray ban uk, hollister pas cher, abercrombie and fitch, ralph lauren uk, nike blazer, michael kors, sac longchamp, nike free run uk, air force, lululemon, michael kors, air jordan pas cher, nike air max, lacoste pas cher, hogan, nike air max, michael kors, vanessa bruno

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

iphone cases, vans, insanity workout, herve leger, ghd, nike air max, iphone 6 cases, giuseppe zanotti, asics running shoes, gucci, bottega veneta, ipad cases, lululemon, s5 cases, oakley, ralph lauren, reebok shoes, iphone 5s cases, nike roshe, timberland boots, converse, north face outlet, p90x workout, jimmy choo shoes, mcm handbags, north face outlet, mac cosmetics, ferragamo shoes, soccer jerseys, valentino shoes, hollister, louboutin, iphone 6 plus cases, beats by dre, iphone 6s plus cases, chi flat iron, abercrombie and fitch, instyler, wedding dresses, celine handbags, mont blanc, iphone 6s cases, babyliss, baseball bats, nfl jerseys, new balance, hollister, vans shoes, ray ban, soccer shoes, birkin bag, nike air max

febbraio 22, 2016  
Blogger ninest123 said...

toms shoes, canada goose uk, sac louis vuitton pas cher, canada goose, hollister, barbour jackets, converse outlet, barbour, louis vuitton, bottes ugg, moncler, marc jacobs, louis vuitton, supra shoes, juicy couture outlet, moncler, moncler, montre pas cher, moncler, doke gabbana outlet, replica watches, ugg pas cher, louis vuitton, canada goose, karen millen, pandora jewelry, moncler, ugg,ugg australia,ugg italia, doudoune canada goose, coach outlet, pandora charms, swarovski crystal, links of london, pandora jewelry, canada goose, lancel, louis vuitton, wedding dresses, moncler, pandora charms, canada goose outlet, moncler, ugg boots uk, thomas sabo, canada goose outlet, juicy couture outlet, ugg,uggs,uggs canada, canada goose, swarovski, moncler outlet
ninest123 16.02

febbraio 22, 2016  

Posta un commento

<< Home