02 ottobre 2006

roma veltroniana: storie di ordinarie sopraffazioni

La storia è questa: un tizio possiede un capannone di 400 mq in zona S. Lorenzo acquistato attraverso un mutuo, con lo scopo di affittarlo e ricavarci una rendita; insomma, un normale investimento fatto da un privato cittadino, come spesso avviene in una società libera. Il locale è vuoto perché è in attesa di trovare un acquirente per l’affitto.
Un giorno di novembre del 2004, un manipolo di gagliardi giovanotti di Action (l’associazione specializzata in okkupazioni abusive con il beneplacito del Comune di Roma e capeggiata da quel Nunzio D’Erme già consigliere al bilancio partecipato del sindaco Veltroni e messo agli arresti domiciliari per aver svuotato un supermercato), forzano il locale, entrano, lo okkupano e ci fanno l’ennesimo Centro Sociale luogo di retroguardia culturale, sperimentazione, cultura underground, linguaggio in movimento e altre cazzate del genere. Quando il povero tizio va con le chiavi per entrare nella sua proprietà trova le serrature cambiate.
La scena ricorda quella del Marchese del Grillo che in una notte fa costruire un vespasiano sulla porta della bottega di Aronne Piperno l’ebanista e quando il malcapitato va la mattina ad aprire non trova più la bottega ma al suo posto il Marchese nell’eloquente atto di utilizzare il vespasiano; ecco, più o meno la stessa cosa, solo che qui non stiamo nella Roma papalina ma in quella veltroniana e non è un film di Monicelli.
Ora un normale cittadino di fronte ad un'usurpazione del genere ha due possibilità: A) Prendere un lanciafiamme e sgomberare i pezzenti figli di papà che fanno i rivoluzionari con i soldi degli altri. B) Rivolgersi alle forze dell’ordine (che come dice il termine stesso, dovrebbero mettere ordine), ed è quello che ha fatto il tranquillo ed ingenuo cittadino ottenendo la risposta che il problema è politico. Allora l’ingenuo cittadino, che non ha voglia di usare il lanciafiamme ed è anche uno che lavora alla Tesoreria comunale (quindi, si presuppone abbia i giusti canali), si fa ricevere dal vicesindaco di Roma che lo manda a parlare con il capo-gabinetto del Sindaco, che lo manda a parlare con una sua dirigente la quale gli dice che lì, al Comune di Roma (che, per inciso, ha 30.000 dipendenti, senza contare precari e consulenti), hanno altro a cui pensare che queste cazzate, tanto più che pare (è lui stesso che lo dice) che tra gli okkupanti ci sia anche il figlio della dirigente in questione. Allora, l’ingenuo cittadino, va a parlare con l’Assessore al Patrimonio che lo fa parlare con il suo collaboratore. Finalmente trova udienza. L’ingenuo cittadino, per non far affaticare troppo i dirigenti comunali propone anche una soluzione (che non spetterebbe a lui trovare) più o meno dice: “a fianco al mio capannone ce ne è uno vuoto di proprietà del Comune; mandateli lì i fanciulli creativi e ridatemi la roba mia”.
Passa un anno e mezzo e a Luglio del 2005 arriva la soluzione. L’assessore lo convoca e gli dice: “Patteggiamo. Il Comune di Roma ti acquista il locale (ovviamente con lo scopo di darlo agli amiketti di Action che ci faranno un altro grande centro di sottocultura a spese di tutti) e tu ti prendi il locale vicino e visto che è anche più grande ci paghi una differenza sopra”. L’assessore definisce questa operazione una “permuta”. Sarà, ma a me sembra un taglieggiamento in piena regola; un ricatto stile Chicago anni ’30.
L’onesto cittadino accetta per uscire dall’impasse e dopo 7 mesi (siamo a febbraio 2006) il comune di Roma gli manda la letterina con l’accordo da realizzarsi entro 2 mesi. Ne sono passati altri 5 e nulla è stato fatto. L’ingenuo cittadino continua a pagare il mutuo su una proprietà che de facto non è più sua ed in più quasi 5.000 euro di Ici al Comune di Roma. Nel frattempo i fanciulletti rivoluzionari prendono dal Comune di Roma finanziamenti per fare manifestazioni culturali in uno spazio che il Comune sa essere stato usurpato ad un privato.
Questa storia è raccontata nei minimi particolari da Massimo Malpica sulla cronaca di Roma de Il Giornale.
Morale: in un paese in cui un governo ha provato a sovietizzare la Telecom non ci si dovrebbe stupire che l'esproprio proletario diventi legale. Ma per ora ancora non lo è. Nella Roma veltroniana il Comune non solo legittima e finanzia occupazioni di luoghi pubblici (che non vuol dire che sono di nessuno ma al contrario che dovrebbero essere di tutti e non solo degli amici di Veltroni); adesso legalizza anche l'occupazione delle proprietà private. Quando in una città si legalizza l’illegalità qualcosa non funziona. Ma intellettuali e giornalisti non hanno il tempo di dirlo: c’è ancora da presentare il romanzo del sindaco…

Etichette: ,

12 Comments:

Anonymous Gianmario said...

...Martin, perchè non ti candidi contro Veltroni?
Farai certamente meglio de "er Duce de li tassinari". GM

ottobre 02, 2006  
Anonymous Anonimo said...

allucinante non ho parole. Ma possibile che di queste cose non si dica nulla?
Carlitos

ottobre 02, 2006  
Anonymous alby said...

ciao volevo segnalarti questo community blog sul citizen journalism (si possono pubblicare articoli senza alcuna registrazione):

www.Lamianotizia.com

Facci un salto se ti va e magari pubblica pure qualche tuo post (anche questo) e/o commento, tanto puoi anche linkare il tuo blog.
A presto!

ottobre 03, 2006  
Anonymous Anonimo said...

sono passata, sono passata...
a stavolta non lascio il nome finchè non lo indovini tu, caro Anarca.

ottobre 03, 2006  
Anonymous Esteban said...

Dopo i 50.000 metri cubi del nuovo piano regolatore senza nemmeno un buco dedicato all'edilizia popolare Veltroni aveva già abbondantemente perso la faccia.
Buona serata

ottobre 03, 2006  
Anonymous inyqua said...

Uè Anarca ti vedo regionalista...pensa che il film che stanno girando sull'altro parto letterario del tuo Sindaco ha mio cugino fra gli interpreti....E non posso manco diseredarlo...è il mio cuginetto preferito....:-)

ottobre 03, 2006  
Anonymous Anonimo said...

se non erro.. il vespasiano che il Marchese Del Grillo fece costruire al posto della porta della bottega di Gasperino "er carbonaro"...??

ottobre 12, 2006  
Blogger Martin Venator said...

mi sa che erri.... ora vado a rivedere il film poi ti dico...
;-)

ottobre 13, 2006  
Anonymous Anonimo said...

Cito da:
I SINDACI IN ROSSO
Come mal amministrare e avere tanto successo
a cura di Vittorio Feltri e Renato Brunetta

Lo scorso 4 aprile, poco prima delle elezioni per il Campidoglio, l'aula Giulio Cesare ha approvato una "super" variazione di bilancio, con i caratteri d'urgenza, per un importo di circa 15 milioni di euro. Di questi, 3 milioni e 700 mila euro erano destinati alla manutenzione dei campi nomadi, 3 milioni e mezzo per un non meglio precisato "monitoraggio delle direttive di traffico intra gra" , solo 1 milione per l'emergenza abitativa, e il resto a favore dei centri sociali e delle associazioni socio-culturali, collegate a vario titolo con gli ambienti della sinistra estrema.

15 - 3,7 - 3,5 - 1 = 6,8

Ben 6,8 milioni di euro destinati alla ricreazione della sinistra violenta.

Saluti
TiFrugoIlFrigo

ottobre 18, 2006  
Blogger Taibai Li said...

huangqihang0518burberry handbags
oakley sunglass
cheap oakleys
gucci outlet online
michael kors outlet
ralph lauren
true religion sale
burberry sale
tory burch outlet
toms outlet
true religion
fitflops outlet
nike air max
true religion outlet
pandora outlet
kate spade bags
true religion outlet
hollister clothing
coach outlet
polo ralph lauren
oakley sunglasses
rolex watches
kate spade outlet online
michael kors
ray ban sunglasses
ray ban sunglasses
michael kors
tory burch shoes
air max 90
michael kors outlet online
kate spade uk
ray ban glasses
abercrombie outlet
prada outlet
kate spade handbags
hollister clothing store
q

maggio 18, 2015  
Blogger Zheng junxai5 said...


zhengjx20160603
michael kors outlet
nike sb dunks
michael kors outlet
adidas yeezy
coach factory outlet online
retro jordans 13
louis vuitton bags
louis vuitton purses
oakley canada
michael kors bags
true religion outlet
toms wedges
nike air max
cheap jerseys
air max
polo ralph lauren
coach factory outlet
nike trainers women
coach factory outlet online
cheap oakleys
ray ban sunglasses
louboutin shoes
cheap jordans
michael kors outlet clearance
air jordan shoes
gucci outlet
michael kors outlet clearance
fitflop shoes
adidas originals store
christian louboutin shoes
louis vuitton purses
copy watches
ray ban sunglasses outlet
cheap jordan shoes
coach outlet store online
christian louboutin sale clearance
coach outlet store online clearances
michael kors outlet
toms wedges
louis vuitton outlet

giugno 03, 2016  
Blogger Xiaozhengm 520 said...

nike roshe runs
louis vuitton outlet stores
louis vuitton handbags
toms outlet
marc jacobs
coach outlet
ray ban wayfarer
michael kors outlet online
ralph lauren polo outlet
tory burch handbags
coach outlet
christian louboutin outlet
christian louboutin sale
timberland outlet
air jordans
louis vuitton outlet
nfl jerseys wholesale
air jordan retro
true religion jeans
fitflops sale clearance
michael kors outlet
toms shoes
kobe 11
christian louboutin flats
nike air max
celine outlet
michael kors outlet
coach outlet
oakley vault
nike roshe flyknit
coach outlet
toms shoes outlet online
toms shoes
oakley sunglasses
jordans
coach outlet online
polo ralph lauren
christian louboutin
louis vuitton handbags
2016.6.21haungqin

giugno 21, 2016  

Posta un commento

<< Home